Utilizzo della realtà virtuale

Come già anticipato in numerosi articoli l’utilizzo del dispositivo deve essere interpretato considerando 3 aspetti fondamentali per i quali è stato scientificamente collaudato attraverso la tecnica della distrazione:

1. Dolore:

Dalle ricerche scientifiche effettuate nel mondo sappiamo che la percezione del dolore può essere ridotta fino al 75%. Gli odontoiatri dovrebbero utilizzare il dispositivo, tenendo conto di questa opportunità, su tutti i pazienti adulti e bambini. Il dolore è dolore e viene provocato da uno stimolo esterno che agisce sul sistema nervoso centrale, quindi difficilmente controllabile se non dagli sciamani !!!

2. Ansia

L’ansia del paziente, benché venga riconosciuta dall’odontoiatra, è difficilmente gestibile. Partendo da qui, l’utilizzo del dispositivo sostiene il paziente e in molti casi, come testimoniato da nostri clienti, previene dall’utilizzo di altre terapie. Abbiamo pubblicato il documento della seconda parte del test di Corah per i professionisti che vogliono farne uso: Il paziente si sente compreso e, di conseguenza, la sua disponibilità aumenta. Per i soggetti tesi/ansiosi e i bambini consigliamo di non applicare la mascherina in gomma in dotazione affinché il paziente possa assolvere il controllo psicologico della seduta. 

3. Noia

Questo aspetto in molti casi viene totalmente trascurato. Sarà un fatto culturale ma l’utilizzo del dispositivo qui si dimostra un servizio di eccellenza molto apprezzato. Durante le attività meno invasive come lo sbiancamento o la pulizia, il paziente che trova un servizio di intrattenimento di questo livello ha la percezione di tempi procedurali molto più brevi rispetto al normale.

Aldilà degli aspetti “tecnici” però, c’è il 4° aspetto fondamentale che si aggiunge: il marketing e precisamente il CRM (Customer Relationship Management). Non è arabo, o meglio, non dovrebbe esserlo. Da quando i social network hanno avuto la meglio su tutte le altre forme pubblicitarie, i dentisti comprendendone l’importanza si sono avvicinati creando pagine, pagine… e pagine. Ma non basta! Essendo obbligati al rapporto individuale col paziente/cliente devono pensare che quest’ultimo può scegliere e in virtù di questo dovranno, a nostro avviso, creare un rapporto speciale e una conoscenza più approfondita come dettato dal CRM. Questo non si può eludere oggi e quale migliore strumento può offrire tale ghiotta occasione se non la realtà virtuale ? Il dispositivo offre la possibilità di relazionarsi al paziente/cliente in merito ai gusti personali che in questo caso trattandosi di film, documentari o video-clip, sono in stretta correlazione con valori morali, convinzioni e più in generale con la visione della vita. Un video molto gradito, per esempio, distrae maggiormente il paziente e, di conseguenza, l’effetto sarà amplificato.

Il mix che offriamo ai professionisti dovrebbe spingerli a considerare il dispositivo come un elemento unico sul mercato in grado di soddisfare pienamente sia loro sia i pazienti/clienti con un servizio straordinariamente efficace sotto tutti i punti di vista. In più, si deve considerare il rapporto costi/benefici del dispositivo e qui, conoscendo gli elevati costi del settore, permetteteci di dire che non esiste sul mercato un paragone ammissibile.

il comfort del paziente

Informazioni su ilcomfortdelpaziente

La nostra azienda è la prima in Italia ad occuparsi del "comfort del paziente" in odontoiatria attraverso la realtà virtuale. Decine di ricerche scientifiche nel mondo hanno dimostrato come la realtà virtuale sia benefica per tutti i pazienti su temi delicati come dolore, ansia e noia. Definito come "analgesico non-farmacologico" il nostro dispositivo si implementa perfettamente nel settore garantendo agli operatori una praticità e facilità d'uso fino ad ora sconosciuti. Anche il paziente può assolvere il controllo psicologico della seduta, fondamentale per quelli tesi/ansiosi ma soprattutto per i bambini per i quali consigliamo un utilizzo regolare anche per sedute brevissime in virtù di un accoglienza nell'ambiente operatorio che abbia l'importante funzione nel minimizzare l'aspetto traumatico. La grande soddisfazione dei nostri clienti e dei loro pazienti ci danno la necessaria fiducia ed energia nel combattere una mentalità poco orientata al rispetto delle problematiche personali che, di fatto, allontanano la gente dalla ricerca delle cure odontoiatriche. Siamo convinti che i tempi siano maturi affinché possa avvenire un inversione di tendenza attraverso la presa di coscienza da parte degli odontoiatri che oramai il tema trattato è ineludibile.

Precedente Quale realtà virtuale per il dentista ? Le caratteristiche determinano la scelta Successivo Realtà virtuale Vs sedazione cosciente, la parola ai dentisti