Speleoterapia e realtà virtuale

Nel panorama del comfort del paziente non tarda ad arrivare una bella conferma anche da un settore diverso dall’odontoiatria: La Speleoterapia.

Per i non affetti da problemi respiratori il termine appare nuovo ma di facile comprensione. Infatti, la speleoterapia o “terapia in caverna” è così descritta:

“La speleoterapia significa terapia in caverna.
Nelle caverne umide l’umidità relativa dell’aria si avvicina al grado di saturazione, ossia al 100 per cento. Per questo motivo le particelle in sospensione e gli allergeni si legano nell’aria e si abbattono sulle pareti umide. In queste caverne si incontra così un’aria purissima. L’aria può assumere tanto più vapore acqueo, quanto più è calda. Nelle gallerie fresche la temperatura varia da 8 a 10 gradi Celsius per cui, nonostante l’aria sia quasi completamente satura di vapore acqueo, essa contiene in valore assoluto pochissima acqua. Quando l’aria, inspirando, si riscalda ai 37 gradi della temperatura corporea, essa può assumere ancora tantissima acqua. Quest’acqua, durante il passaggio attraverso le vie respiratorie, viene ora sottratta alle mucose che spesso, a causa delle infiammazioni croniche o dell’asma bronchiale, sono gonfie. In tal modo il gonfiore si riduce e la persona può respirare più liberamente”.

Il Centro Climatico di Predoi (BZ) unico in Italia, nella somministrazione di questa terapia, accoglie i pazienti in un ambiente a dir poco confortevole, dotato di cinema, area giochi per i bimbi e un percorso interno alla miniera molto suggestivo.

L’esperienza con i video-occhiali sarà certamente accolta con grande entusiasmo dal momento che ricade come esperienza personale, quasi intima. Aspettiamo con “ansia” il riscontro sul campo, o meglio, in caverna sull’utilizzo del dispositivo in questo contesto. Non nascondiamo il nostro ottimismo visti i risultati estremamente positivi in campo odontoiatrico.

L’associazione tra Speleoterapia e realtà virtuale è destinata al successo.

il comfort del paziente

Informazioni su ilcomfortdelpaziente

La nostra azienda è la prima in Italia ad occuparsi del "comfort del paziente" in odontoiatria attraverso la realtà virtuale. Decine di ricerche scientifiche nel mondo hanno dimostrato come la realtà virtuale sia benefica per tutti i pazienti su temi delicati come dolore, ansia e noia. Definito come "analgesico non-farmacologico" il nostro dispositivo si implementa perfettamente nel settore garantendo agli operatori una praticità e facilità d'uso fino ad ora sconosciuti. Anche il paziente può assolvere il controllo psicologico della seduta, fondamentale per quelli tesi/ansiosi ma soprattutto per i bambini per i quali consigliamo un utilizzo regolare anche per sedute brevissime in virtù di un accoglienza nell'ambiente operatorio che abbia l'importante funzione nel minimizzare l'aspetto traumatico. La grande soddisfazione dei nostri clienti e dei loro pazienti ci danno la necessaria fiducia ed energia nel combattere una mentalità poco orientata al rispetto delle problematiche personali che, di fatto, allontanano la gente dalla ricerca delle cure odontoiatriche. Siamo convinti che i tempi siano maturi affinché possa avvenire un inversione di tendenza attraverso la presa di coscienza da parte degli odontoiatri che oramai il tema trattato è ineludibile.

Precedente I risultati del test e disagio dei pazienti odontoiatrici Successivo Quale realtà virtuale per il dentista ? Le caratteristiche determinano la scelta