Odontoiatria: Rischi dei video-occhiali Anonimi

Vogliamo raccontarvi la storia che caratterizza i video-occhiali Unidexx per Odontoiatria, soprattutto da quando una certa concorrenza si appropria illegalmente del lavoro da noi svolto negli ultimi 6 anni e propone ai dentisti prodotti non controllati.

design video-occhiali per odontoiatria
fig. 1 – Il design perfetto per l’odontoiatria

Nel lontano 2010, dopo aver individuato il design perfetto per l’implementazione in odontoiatria, acquistammo 38 paia di video-occhiali per testare la qualità e l’affidabilità del prodotto made in China poiché era impensabile proporre un dispositivo, ancora sconosciuto, a costi elevati.

Esaminando la componentistica con il nostro ingegnere e il nostro tecnico emerse la fragilità e l’instabilità dei microchip più importanti e soprattutto l’inaffidabilità delle 3 mini-batterie presenti nel dispositivo che nel 60% dei casi nonostante fossero nuove (riportano la data di fabbricazione) erano a rischio perdita di acido con conseguenze inimmaginabili per il malcapitato paziente. Forse, oltre alla dubbia qualità e alla condizione di stress a cui furono sottoposte (potrebbe equivalere ad un uso intensivo del dispositivo ossia 5+ volte al giorno), fu determinante lo stoccaggio che comunque nella media viene effettuato in modo non idoneo per un componente pericoloso.

fig. 2 – Le batterie al litio di scarsa qualità tendono a gonfiarsi e perdere gli acidi contenuti nelle celle. VEDI NOTA IN FONDO

Le batterie al litio in particolare necessitano di licenza UN 38.3 per poter essere trasportate e dietro nostra richiesta di certificazione solo 2 fabbriche di video-occhiali, neanche le più grandi, risposero positivamente. Ciò significa che quasi tutte le aziende cinesi esportano in piccole quantità evitando così i dovuti controlli che altrimenti scatterebbero sopra i 150 pezzi importati, come accade a noi.

Dopo aver visitato la fabbrica scelta decidemmo di noleggiare una linea di produzione per apportare tutte le modifiche in loco. Queste modifiche avevano un certo costo poiché la produzione (esterna) nella linea del sistema era differente per le schede elettroniche modificate.

scheda-unidexx
fig. 3 – scheda Unidexx

Ci trovammo così di fronte a più scelte e alcune rinunce ma alla fine optammo per la sostituzione dei 5 microchip principali e delle mini-batterie (per le quali penammo non poco nel reperirle, con test su 25 modelli) sacrificando la maschera frontale con il nostro logo pressofuso in plastica.

Ma perché vi raccontiamo tutto questo, vi chiederete ?

Semplice, perché negli ultimi sei mesi oltre 90 dentisti da tutta Italia  ci hanno chiamato per assistenza su un prodotto anonimo acquistato presso loro rivenditori di “fiducia” (in 43 hanno sostituito immediatamente quel dispositivo con il nostro e gli altri sono prossimi). La questione è delicata poiché questi fornitori del settore NON sanno nulla circa i video-occhiali né tanto meno sulla componentistica e i rischi che vi fanno correre ma si limitano a rubarci le foto, le brochure, gli slogan, il manuale e i programmi di conversione che una volta modificati possono confondere il cliente. Tutto questo per danaro, unico loro obiettivo.

scatola illegale video-occhiali
fig. 4 – Questa è la scatola illegale recapitata agli ignari dentisti

Infatti, il prodotto venduto agli ignari dentisti viene recapitato in scatola originale dalla Cina, in versione cinese/inglese, da noi ILLEGALE per vari motivi, primo fra tutti la mancanza di riferimenti della società importatrice (non basta attaccare un etichetta successivamente ma va dichiarato in dogana), relativo manuale in italiano o in alternativa un indirizzo web dove reperirlo e non da ultimo la certificazione CE, obbligatoria per tutti i dispositivi presenti in Studio. Si consideri che il 95% dei laboratori cinesi che effettuano i test per la certificazione CE non sono riconosciuti dalla UE.

Ma non è tutto, questi furbacchioni del commercio nostrano, grandi e piccoli, falsificano anche i documenti delle Cliniche Universitarie (reperibili sui nostri profili social) che hanno effettuato le ricerche con i nostri dispositivi, oltre a sparare prezzi di listino senza senso frutto di una visione truffaldina nei confronti degli odontoiatri. A volte la fiducia è un mistero.

Detto questo, vogliamo raccomandare ancora una volta di controllare attentamente ciò che acquistate poiché spesso sulle brochure, sui cataloghi o sul web vengono ritratti con il logo del venditore ma una volta nel vostro studio l’amara sorpresa: sono anonimi. A meno che non siate consapevoli e così sprovveduti da rischiare con i vostri pazienti, specie i bambini.

Copri-auricolari in silicone autoclavabili
fig. 5 – I nostri copri-auricolari in silicone autoclavabili

Inoltre, non hanno manuale in italiano (se c’è è il nostro abilmente manipolato), nessun video caricato e soprattutto non hanno i copri-auricolari in silicone autoclavabili che solo noi produciamo su misura per garantire la massima igiene.

Fin dall’inizio ci siamo concentrati per offrire un prodotto sicuro e affidabile pensando che questo particolare dispositivo doveva sostenere i pazienti, grandi e piccoli, durante le sedute odontoiatriche. Abbiamo curato tutti i particolari, aderito a ricerche scientifiche di due cliniche universitarie (Cagliari e Bologna) ottenendo grandi risultati e non accettiamo i profittatori che tentano di attribuirsi meriti altrui mettendo a rischio l’incolumità della gente e l’onorabilità dei professionisti.

NOTA FIG. 2:

Se avete acquistato, volontariamente o no, un dispositivo ANONIMO, cioè una pericolosa cineseria, l’unico modo che avete per verificare l’integrità delle mini-batterie, anche se solo indicativo, è il seguente:

  1. La carica. Posto il dispositivo in carica verificate dopo 10, 20 e 30 minuti la temperatura impugnando le aste e, successivamente, appoggiando il palmo della mano sulla parte frontale. E’ normale che si riscaldino ma una temperatura eccessiva può essere un segnale di anomalia.
  2. La durata. Considerando un utilizzo medio di 1/3 volte al giorno verificare la durata della carica. Se dopo 2 o 3 mesi di utilizzo costante notate un certo calo significa che le mini-batterie sono di scarsa qualità e presto si surriscalderanno con conseguenze imprevedibili.

Le nostre mini-batterie durano in media 4h e 15/30m e le sostituiamo dopo due anni.

In caso di dubbi e, sicuramente, totale assenza di assistenza tecnica visitate il nostro sito www.unidexx.com oppure inviate una mail a: info@unidexx.com

“È facile commercializzare un prodotto tanto per rispondere alle richieste dei clienti ma se non abbiamo onestà, serietà e competenza mettiamo a rischio la nostra e l’altrui attività professionale”. cit.

il comfort del paziente

Informazioni su ilcomfortdelpaziente

La nostra azienda è la prima in Italia ad occuparsi del "comfort del paziente" in odontoiatria attraverso la realtà virtuale. Decine di ricerche scientifiche nel mondo hanno dimostrato come la realtà virtuale sia benefica per tutti i pazienti su temi delicati come dolore, ansia e noia. Definito come "analgesico non-farmacologico" il nostro dispositivo si implementa perfettamente nel settore garantendo agli operatori una praticità e facilità d'uso fino ad ora sconosciuti. Anche il paziente può assolvere il controllo psicologico della seduta, fondamentale per quelli tesi/ansiosi ma soprattutto per i bambini per i quali consigliamo un utilizzo regolare anche per sedute brevissime in virtù di un accoglienza nell'ambiente operatorio che abbia l'importante funzione nel minimizzare l'aspetto traumatico. La grande soddisfazione dei nostri clienti e dei loro pazienti ci danno la necessaria fiducia ed energia nel combattere una mentalità poco orientata al rispetto delle problematiche personali che, di fatto, allontanano la gente dalla ricerca delle cure odontoiatriche. Siamo convinti che i tempi siano maturi affinché possa avvenire un inversione di tendenza attraverso la presa di coscienza da parte degli odontoiatri che oramai il tema trattato è ineludibile.

Precedente La paura del dentista